Chrisitian-Alessandro-web

“Al Polo Formativo imparo la professione della mia vita”

Non capita spesso che gli studenti siano disponibili ad andare a scuola nei giorni in cui non hanno lezione. Al Polo Formativo LegnoArredo non è così: quando apre le porte il sabato per un Open Day i visitatori si ritrovano in laboratorio tra tanti ragazzi operosi che sciamano dai banchi da falegname alle macchine per lavorare il legno, tutti indaffaratissimi. Sì, perché in questi mesi gli Operatori del Legno sono impegnati con il Milesi Talent, il concorso indetto dall’azienda di vernici per il legno e per il quale stanno progettando e realizzando innovativi oggetti per la cucina.

Per passione si studia anche nel tempo libero

Della 3° Operatori del Legno incontriamo Christian, che è arrivato al Polo da un’altra scuola superiore. Non immaginava di diventare falegname, invece in poco tempo si è innamorato di questa professione. Dice infatti: “Lavorare il legno è bellissimo e vorrei specializzarmi in particolare nella progettazione 3D”. Addirittura a casa, nel tempo libero, si esercita con un programma apposito “e non mi sarei mai immaginato di studiare anche quando non sono ‘obbligato’”.

La passione di Christian è tale che la scorsa estate si è trovato in autonomia uno stage da un cuciniere per conoscere sempre nuovi aspetti della falegnameria.

Ma al Polo non ha trovato solo il lavoro dei suoi sogni: “Apprezzo molto il modo con cui i professori ci coinvolgono e come sanno farmi apprezzare le lezioni… e pensare che prima non riuscivo a stare seduto in classe per più di cinque minuti!”. E c’è dell’altro: “La sede e il laboratorio sono meravigliosi, sempre in ordine e puliti, cosa che non mi è capitato di vedere in altre scuole” conclude Christian.

Al lavoro ci vogliono disciplina, puntualità e serietà

Alessandro invece ha partecipato a un Open Day del Polo, lo hanno messo a lavorare il legno ed è rimasto conquistato “perché mi piace il lavoro manuale e con esso realizzare dei prodotti”. Ecco perché predilige le ore di laboratorio e il lavoro di gruppo, “che ci consente di mettere in campo e condividere le nostre conoscenze”. Ha svolto lo stage presso un’azienda che realizza arredi per negozi, anche di marchi di alta moda: “Ho potuto svolgere diverse attività e ho appreso anche come si deve vivere il lavoro: ci vogliono disciplina, puntualità e serietà”. Per il suo futuro prospetta una specializzazione nella progettazione, “per cui mi sento molto portato; perciò credo che proseguirò gli studi fino all’ITS”. Sì, perché al Polo Formativo si può entrare dopo la terza media e terminare gli studi con i corsi post-diploma ITS, paralleli a quelli universitari, per diventare dei Tecnici Superiori nel settore del Legno Arredo. Per questo Christian può dire con sicurezza: “Qui ho trovato un percorso che mi porta direttamente a imparare il lavoro della mia vita!”.