marco-luca-manutentori-bassa

Un futuro da manutentore di aeromobili

“Fin da bambino avevo la passione per gli aerei e quando ho saputo che in ASLAM c’era un corso per mettere le mani sui velivoli mi sono precipitato all’Open Day e ho deciso subito di iscrivermi”. Ora Marco è al terzo anno del corso di Manutentore di aeromobili nella sede ASLAM di Malpensa, è a suo agio con i compagni e i docenti “e adoro l’attività pratica. Perciò sono contento di aver potuto fare le ore di laboratorio nei mesi passati, quando gli studenti delle altre scuole erano tutti a casa. Decisamente la scuola in presenza è molto meglio, mi aiuta a concentrarmi di più”. E i docenti, sia nella formazione a distanza sia in quella in presenza “trovano ogni modo per entrare in rapporto con noi allievi e ci sanno spiegare in modo avvincente e completo tutte le materie”.

Nel frattempo in questi mesi Marco ha svolto lo stage presso un’autofficina, dove “ho avuto dei colleghi disponibili e simpatici e ho potuto lavorare su macchinari che non conoscevo”. L’approccio al lavoro, sebbene faticoso, non è stato traumatico, soprattutto “perché ho imparato molto”. Infatti, dice Marco, “i professori mi dicono che sono migliorato, e in forza di questo sono sempre più desideroso di lavorare nel campo aeronautico, e di proseguire quindi gli studi anche dopo il diploma”, frequentando l’ITS di Manutenzione di aeromobili erogato dalla Fondazione cui ASLAM partecipa.

La manutenzione di aeromobili non è solo per chi ha da sempre la passione per i velivoli. Luca ad esempio si era semplicemente incuriosito visitando ASLAM Malpensa durante un open day, ma quando si è iscritto al corso di Manutentore di aeromobili ha imparato ad amare questa professione. Perciò, giunto ormai al terzo anno, è soddisfatto della scelta fatta. Il contesto, inoltre aiuta: “La scuola è pulita e ordinata; non è un dettaglio, anzi, perché questo aspetto mi aiuta a concentrarmi”. Riconosce che alcune materie sono ‘toste’, “ma mi rendo conto che sono necessarie per imparare la professione”. Inoltre “i prof di laboratorio sono dei professionisti e rappresentano un’ispirazione per noi”.

Durante lo stage in un’officina ha appreso molto, “grazie anche al contesto accogliente, sia dal punto di vista della professione sia su come ci si comporta nel mondo del lavoro. E nel futuro mi piacerebbe proseguire gli studi fino a dopo il diploma” conclude Luca.